Chi sono

Mi chiamo Davide e sono un insegnante di inglese. Tra le mie tante passioni c’è quella per internet che utilizzo incessantemente per tenermi informato, ascoltare musica, mantenere i contatti e tutto quello che fa la maggior parte della gente al giorno d’oggi.

Da anni coltivo il sogno di poter lavorare su Internet per crearmi un’entrata aggiuntiva e magari un giorno affrancarmi dal vincolo territoriale, gestire autonomamente i miei orari di lavoro e poter essere più vicino alla famiglia.

Pur consapevole delle varie truffe che popolano la rete, ho voluto comunque tentare diverse strade per realizzare questa mia ambizione.

Ho sempre usato cautela e una buona dose di scetticismo nel giudicare le varie “fantastiche opportunità” di guadagno che ho trovato strada facendo.

Ho corso qualche rischio calcolato e mi sono imbattuto in vere e proprie truffe. Altre volte ho trovato proposte che se non sono propriamente truffe, nella migliore delle ipotesi rendono quasi impossibile qualunque successo e si rivelano un’enorme perdita di tempo prezioso.

Non mi sono mai perso d’animo però. Ho continuato a scavare e a sperimentare perché sono sempre rimasto convinto che ci sono modi seri e leciti per crearsi un reddito online. Basta trovarli!

Dopo incessanti ricerche qualcosa finalmente ha iniziato a profilarsi all’orizzonte e ora sto effettivamente guadagnando in rete.

Su questo sito pubblicherò una rassegna dei modi migliori per crearsi un reddito online e una “lista nera” di truffe più o meno note e di “fantastiche opportunità” da cui è meglio stare alla larga.

Alcune delle truffe qui trattate sono state sperimentate, purtroppo, sulla mia pelle. Altre invece da gente che conosco bene.

Il sito è da intendersi come “work in progress”. Non appena troverò nuove opportunità serie di lavoro online o nuove truffe le inserirò nella lista. Qualunque contributo e commento sarà molto apprezzato sia dal sottoscritto che, credo, dal resto dei lettori.

Condividi
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail
Seguimi
Facebooktwitterrss